Centenari e finestre

Copertina anterioreConfermato il titolo della pellicola che analizzeremo assieme – il prossimo 17 maggio, a partire dalle ore 5 pm –  nella seconda de “Le domeniche al Cinema” con MacAdemia. Si tratta de: Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve. I motivi sono molti, ma ce n’è uno in particolare. L’opera, infatti, nasce  sotto forma di romanzo, nel 2009, dalla fantasia di Jonasson Jonas: svedese, trapiantato nel Canton Ticino dopo una grave forma di esaurimento e infine, stabilito a Hogrän, sull’isola di Gotland. Bompiani, decide di pubblicarlo nel 2011 e nel 2013, ne viene tratto l’omonimo film per la regia di Felix Herngren. Un percorso, questo, già tracciato da molti altri testi e che, non sempre, risulta sinonimo di successo. Quali sono i meccanismi che il film eredita dal libro? Come vengono gestite le due forme di scrittura? Quali sono i significati – se ce ne sono – rintracciabili nella sequenza degli avvenimenti narrati? E soprattutto, da quali punti di vista funziona o non funziona, tutta l’operazione? Se domenica ne avete la possibilità, non mancate a questo appuntamento: ne vedremo – in molti sensi – delle belle! E a seguire, cena in MacAdemia per tutti coloro che avranno voglia di fermarsi ancora un po’ a discutere di cinema, letteratura e soprattutto, di cultura!
Informazioni, come di consueto, al 348.3829111.

 

2 thoughts on “Centenari e finestre”

Rispondi a Angela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.