MacAdemia e il Tai Chi Chuan

Principi e pratica del Tai Chi Chuan
Disciplina interiore e armonia fisica
nell’arte marziale «dolce» cinese
In 350 fotografie tutti i movimenti del Tai Chi Chuan
dal maestro di fama internazionale Gudo Bozak
Edizioni L’Età dell’Acquario
Collana «salute&benessere»
Pagine 296
Euro 19,00
ISBN 9788871363233

Gudo Bozak è uno degli allievi di MacAdemia della “gloriosa” sezione Trevisana. Dopo aver seguito i Corsi Generali tenuti da Federica Castellini ha partecipato, con me, ai Seminari Pragliesi. Oggi, ci presenta la sua ultima fatica editoriale: “Principi e pratica del Tai Chi Chuan”. Di seguito, il comunicato stampa del volume. I complimenti di tutta MacAdemia a Gudo e al suo interessante lavoro.

Il Tai Chi Chuan, antica arte marziale cinese imparentata con la filosofia taoista, può essere definito come una «meditazione in movimento». La sua pratica, caratterizzata dalla lentezza, dalla gentilezza, dall’armonia con cui vengono effettuate le sequenze di esercizi, permette di accordare l’energia spirituale e la forza fisica, conseguendo una completa rigenerazione psicofisica e ritrovando una limpida consapevolezza di sé e del mondo, calma, salute e gioia di vivere.

Il libro di Gudo Bozak illustra innanzitutto la filosofia di base del Tai Chi, ricorda i maestri che lo hanno diffuso, chiarisce che cosa ha in comune con le altre arti marziali e ciò che invece lo differenzia da esse, e spiega con quale atteggiamento bisogna praticarlo. Quindi, attraverso 350 immagini realizzate appositamente per questo libro, mostra i movimenti che lo compongono e insegna a eseguirli nella massima concentrazione e con un’estrema attenzione alla precisione del gesto.

Poiché non esige alcuno sforzo e non ha controindicazioni, il Tai Chi può essere scelto a qualsiasi età da chiunque avverta l’esigenza di recuperare, attraverso una piena integrazione della propria energia psicofisica, l’armonia perduta.

Gudo Bozak, psicosomatologo, membro della Società Medica Italiana di Psicoterapia e Ipnosi, ha acquisito una formazione olistica in scuole occidentali di Psicomotricità, Training Autogeno, Psicoanalisi, Psicodramma, Gestalt, Ipnosi, Psicologia Transpersonale, Psicosintesi, e in scuole orientali di Judo, Tai Chi, Shiatsu, Yoga, Zen, Tao, Tantra. È stato co-fondatore della Federazione Europea di Tai Chi, a Strasburgo, nel 1996.

IL TAI CHI CHUAN UN ELISIR DI GIOVINEZZA?

Il Tai Chi serve a prevenire e curare le malattie, e a prolungare la giovinezza.
Secondo Akira Yuasa, dell’Università di Tokyo, l’uomo potrebbe vivere anche fino a centoventicinque anni. Alla base di questo suo assunto sta l’osservazione che i mammiferi hanno un’aspettativa di vita in genere cinque volte più lunga del periodo della loro crescita; poiché l’uomo è un mammifero e ha un periodo di crescita che va dai venti ai venticinque anni, egli dovrebbe tranquillamente poter vivere dai cento ai centoventicinque anni. Naturalmente rimanendo sano, lucido di mente e bello allegro fino a quell’età.
Anche se nei secoli sono stati numerosi i praticanti di Tai Chi ultracentenari, la finalità non è quella di far arrivare tutti a centoventicinque anni, ma piuttosto di dare a ognuno la possibilità di vivere un’esistenza di serenità, comprensione, entusiasmo e amore; questo è realmente possibile per chiunque, basta tenere presente il concetto generale: quando vi è una situazione di equilibrio dello yin e dello yang vi è la salute, quando questo equilibrio è alterato compare la malattia. È tutto molto semplice.

IL TAI CHI CHUAN È RILASSANTE?

È la domanda che ci sentiamo ripetere in continuazione prima delle iscrizioni ai corsi di Tai Chi. Ce la rivolgono allievi di ogni età che evidentemente cercano un po’ di pace in questo mondo sempre più convulso. Ebbene sì. Il Tai Chi è decisamente rilassante, ma non è solo questo. È molto, molto di più. Lo diciamo perché a tanti non interessa altro che l’aspetto puramente rilassante di questa disciplina, come dire che uno compera una Rolls-Royce unicamente perché gli piace il design del posacenere nel cruscotto, senza badare minimamente a tutto il resto.

IL TAI CHI CHUAN PER LA BELLEZZA?

Yang Ming-Shi afferma che la pratica del Tai Chi conferisce bellezza. È la bellezza che deriva da un corpo ricco di energia vitale, il cui portamento è spontaneamente bilanciato, ben eretto, sciolto e armonico. È la bellezza che emana da tessuti irrorati da una circolazione sanguigna ricca, e ben ossigenati da una respirazione profonda e regolare. È la bellezza che proviene da una mente serena, dalla calma e dalla libertà interiori. Quando tutto questo è costantemente in noi, il volto e il corpo lo esprimono, ed è genuina bellezza.

14 thoughts on “MacAdemia e il Tai Chi Chuan”

  1. Questo libro è di una tale Semplicità e di una tale Grandezza che…è Stupendo!
    Lo leggo e lo rileggo e ci trovo sempre qualcosa di nuovo.
    Grazie.
    Esmeralda

  2. … ed anche con questo Suo libro, Gudo non si smentisce. Emerge la sua immensa ricchezza interiore e la sua grande professionalità. Consiglio la lettura di questo libro a chiunque, ma soprattutto alle persone che più amo. Ringrazio Gudo per questo suo bellissimo dono, che dà a tutti la possibilità di crescere serenamente con la gioia di vivere. Spero si stia già dando da fare per illuminarci ancora, in futuro, con le sue prezioze e sagge conoscenze!! Grazie di cuore, Dasy

  3. Grazie Gudo per questo tuo nuovo fantastco lavoro! Grazie anche per avermi illuminato con i tuoi preziosi insegnamenti e avermi trasmesso un’energia e una forza che non avrei potuto trovare altrove. Ti sarò per sempre grata!
    Annalisa

  4. Non il solito manuale, ma una guida del corpo e della mente per introdurci nel meraviglioso mondo del Tai Chi, accompagnati da un maestro d’eccezione.

  5. frequentare i suoi corsi e capire immediatamente come si manifesta un maestro vero, governato dalla passione. sicuramente un viaggio da intraprendere con la lettura prima con la conoscenza della sua persona poi. privilegio. Paolo

  6. La passione che ti contraddistingue in questo lavoro e nel bene che dedichi agli altri, spero ogni giorno rinnovi in te quella meravigliosa Energia e Bellezza, principio del Tai Chi..In bocca al lupo..Tiziana

  7. Mi è stato suggerito questo manuale che ho trovato di una forza non comune nel trattare argomenti importanti.
    La lettura infonde pace e serenità.
    Complimenti all’autore e grazie.

  8. non è un “manuale”
    è più di una raccolta di pensieri
    è più di una raccolta di consigli
    è un aiuto per imparare la consapevolezza
    è un libro sempre nuovo ogni volta che lo sfogli

  9. In questo ‘ Principi e pratica del Tai Chi Chuan’ , Gudo Bozak assomma , insieme alla profonda conoscenza del tema , anche una grande sensibilità nella trattazione. Tipica degli autori ( rari ) appassionati e autorevoli.
    E soprattutto carismatici.
    A che serve il Tai Chi ? Come praticarlo ? Scorrere il testo e visionare il ricchissimo corredo fotografico vi aiuterà a rispondere a queste domande. E a molte altre , che non vi eravate mai poste !
    imperdibile.

  10. Frequentare la scuola di Tai chi di Gudo Bozak è stata un’esperienza fondamentale per la mia vita personale e professionale.
    Il libro rispecchia il suo modo di essere.Disciplina,consapevolezza, attenzione,ascolto! E il tutto condito con una grande dose di sensibilità.Il libro è scritto in modo semplice e chiaro e quello che è scritto arriva a tutti.Grazie Gudo per tutto quello fai.Laura

  11. Certamente non un manuale tecnico, questo libro descrive in maniera ampia e delicata, profonda ed acuta l’essenza del Tai Chi Chuan. Un volume in grado di racchiudere in sè l’arte di un Grande Maestro nonchè la genialità e creatività dei suoi insegnamenti. Quest’opera è autentica poesia.

Rispondi a Esmeralda Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *